Fossombrone / PU
Marche - Italia

Ho iniziato a cercare nel 1996. Nel 1997 ho ritrovato mio padre e la sua famiglia, le mie radici in Italia.

Pertanto, il mio italiano su questa homepage è un po' insolito. Perché ho iniziato a imparare la mia seconda lingua madre solo nel 1996, quando ho trovato mio padre e la sua famiglia.

Dato che imparo l'italiano solo dal 1996, è possibile che il sito contenga errori di traduzione. Inoltre, la traduzione di alcuni termini potrebbe essere diversa perché non sono disponibili nella rispettiva lingua o hanno nomi diversi.
Qui c'è un articolo in tedesco. È possibile leggerlo in italiano sulla maggior parte dei dispositivi con l'aiuto di un traduttore.

Per capire meglio la storia: 

L'immigrazione di manodopera dall'Italia iniziò su larga scala alla fine del XIX secolo.
Sono venuti in Svizzera come lavoratori stagionali per lavorare per un periodo di tempo limitato. Erano tollerati come lavoratori solo se si poteva mostrare un contratto di lavoro all'ingresso in Svizzera. Coppie sposate solo se entrambi era lavorano. I loro figli hanno dovuto rimanere nel loro paese d'origine. Una bambini di nato in Svizzera, la madre deve continuare a lavorare subito dopo il parto. Migliaia di bambini finiscono nelle casa per l'infanzia svizzeri.Oppure dovevano nascondersi negli armadi negli appartamenti dei genitori. "Armadio - Bambini". Tuttavia, molti furono rimpatriati in Italia.

So che alcuni di Fossombrone hanno lavorato anche in Svizzera, compreso mio padre.

Puoi selezionare la rispettiva lingua per questi due video nelle impostazioni per capire com'era allora per gli italiani e gli altri lavoratori ospiti in Svizzera. Si tratta di film dell'archivio svizzero del 1961 e degli anni '70.

Anche un sito molto interessante: Ricercatore e pubblicista. Rapporti italo-svizzeri. Storia dell'immigrazione italiana in Svizzera. Lingua e cultura italiana in Svizzera.

Dopo 34 anni ho trovato l'altro lato delle mie radici.

La ricerca di mio padre 1996 è stata molto ardua. Ho scritto 15 richieste con la macchina da scrivere e 12 richieste a mano. A quel tempo inviavo ancora tutte le lettere per posta. Ho ricevuto delle risposte. Dove aveva vissuto in tutti i comuni del Cantone di Lucerna e dove aveva lavorato. Una di queste lettere riportava anche il paese di origine e il luogo di nascita. E su un documento che faceva parte dei fascicoli del tribunale che ho ricevuto perché ero coinvolto da bambino. Su un pezzo di carta c'era scritto il numero del suo fascicolo, con la sua calligrafia. Le autorità qui in Svizzera hanno nascosto le prove e le hanno parzialmente distrutte.

Lei ha mentito a tutti e ha detto a tutti che non sapeva chi fosse mio padre. 

Il mio tutore sapeva tutto di mio padre molto presto, dall'agosto del 1963, assolutamente tutto, e tutti gli altri credevano alle bugie che lei raccontava su di noi. Tutto questo e molte altre prove mostrano quali bugiardi fossero le nostre autorità e le loro comunità in in Svizzera. Esso aveva un sistema. Quando si trattava del padre di un figlio illegittimo.

Avevo delle risposte, ma non molte di quelle risposte mi aiutavano nella mia ricerca. Ero arrabbiato. Perché era un sistema. Non l'hanno fatto solo a noi. Lo hanno fatto con migliaia di padri e madri, compresi i loro figli. Poiché non sapevo cosa fare, nel 1996 scrissi persino una lettera personale all'allora sindaco di Lucerna. Ha anche risposto. Ha contattato l'Italia, ma non gli hanno dato altre informazioni su dove si trovasse mio padre. Le relazioni tra la Svizzera e l'Italia non erano buone all'epoca. 

È stata una coincidenza che io e il mio ragazzo di allora abbiamo visitato i suoi parenti a Napoli nel 1997. Suo zio mi ha aiutato a trovare mio padre. Siamo andati a trovarlo sulla via del ritorno. Non posso descrivere i miei sentimenti per quello che è successo dentro di me quando mi trovavo di fronte a lui. Solo in seguito. Non ho mai pianto così tanto in vita mia. Non posso descrivere i miei sentimenti per quello che è successo dentro di me quando mi trovavo di fronte a lui. Solo in seguito. Non ho mai pianto così tanto in vita mia.
Grazie a mia sorella per avermi permesso di conoscerli tutti meglio.
Quando sono tornato in Svizzera, volevo che mi avvicinasse. Perché un vecchio albero non può più essere trapiantato, dico sempre. Qualche mese dopo squillò il telefono: mi chiamò e mi chiese quando venivo in Italia. Tutto è iniziato così e ringrazio di cuore lui e sua moglie per avermi dato la possibilità di conoscere lui, la sua famiglia, tutti i suoi parenti e amici e tutto ciò che ne è derivato.

31. Mai 1997
Il giorno in cui ho visto mio padre, mia sorella per la prima volta. Poi ho conosciuto la mia seconda madre, la mia nuova famiglia. Non ne ho mai avuta una. Ho dovuto imparare in molti anni cosa significa averne uno.

Le prove documentali di come mio padre è stato trattato in Svizzera si possono trovare nelle pagine del cantone di Svitto, nel cantone di Lucerna, nel Storico e storia e sotto figli di lavororatori ospite. Non era l'unico. Molti lavoratori italiani ospiti hanno vissuto questa esperienza. All'epoca, i genitori o un genitore venivano spesso espulsi dalla Svizzera dalla polizia senza motivo, senza diritti, anche se avevano un permesso di lavoro. Troppi bambini come me, bastardi o "Tschingg" come ci chiamavano. Sono stati portati via da loro. Tuttavia, il mio sogno si è avverato nel 1997. Conosco lui e la sua famiglia da molti anni. Ciò che rimane sono bei ricordi, nuovi amici e un posto dove posso andare in qualsiasi momento. Ecco perché non voglio più scriverne qui su questa pagina.

Poco dopo ho conosciuto la mia seconda madre. Quindi ora avevo una vera famiglia con tanti parenti che ho conosciuto col tempo, e poiché non ho mai avuto una vera famiglia che fosse imparentata solo con me, ho dovuto imparare in tanti anni cosa significasse averne una.

Fossombrone In provincia di Pesaro e Urbino

La mia seconda casa. La mia seconda Patria.

Punto di riferimento da Fossombrone "Ponte Concordia" con il fiume Metauro

Può un sogno diventare realtà?
Scritto nel 2009 per un compito a casa a scuola per un voto in tedesco
Pensieri de mio primo incontro, il 30.Maggio1997, quando, per la prima volta, ho visto mio padre! Avevo 34 anni !

Sempre quando percorro lunghe distanze in machina, i miei pensieri vagano. O nel futuro o nel passato. Guidare grandi distanze invogliono a pensare a tempi passati, alla mia infanzia. Sono arrivata al Gottardo, devo stare attenta, non posso distrarrmi. Questa galleria innesca un grande rispetto in me. E pericolosa, lì fa caldo, ed una stanchezza si insinua. A traversarla dura 20 minuti. Poi : il Ticino, le montagne, tante cascate, tutto e così verde. Però in mè c’è anche tanta tristezza. Qualcosa che non ho avuto, che mi mancava, di cui sognavo. Questo desiderio, che non si e mai avverato. A volte sollevando speranze, a volte no. Molte lacrime segrete. Arriva la frontiera, il controllo del passaporto. Il paesaggio sta cambiando e diventa sempre più piatto. Le montagne sono lontane, poi, piano piano, spariscono. Oramai, sono tante ore, che sto viaggiando in machina. Interrotte da una fermata in un area di servizio, un cafè, un panino. Tutti questi forestieri, ognuno con la sua destinazione, sue nostalgie e sogni, speranze e paure. A sinistra ed a destra solo la larghezza del paesaggio, con il fieno amucchiato. Case vecchie, che sembrano rovine. E sempre appare questo grande e largo fiume. Viali alberati, che tengono lontano il vento. Gli odori estranei, non sempre adatte per il naso. Ma sempre quel vuoto in me, come se mancasse qualcosa. Spesso anche quel sentimento, nonostante tutto, di essere sola. Il mio sogno, che ancora non si e avverato, che sparisce lentamente nel mio cuore. Si diventa adulti, e la vita diventa ancora più dura. Non si ha più tempo per speranze e desideri. Sto guidando da un bel po. Sto ascoltand il CD di Robert Miles, la musica si adatta al atmosfera della serata. Il sole che sta tramontando, dipinge tutto in torno a me, in un sogno surreale. Quest’ atmosfera magica che mi fa venire i brividi, ogni volta che passo di qua, e ogni volta che posso viverla . La strada si sta restrigendo, e non ci sono colline. Emerge un villaggio un po più grande. Ancora qualche minuto, e sono arrivata. Non entro nel quartiere storico romano, no, mi muovo verso quello più nuovo. Davanti a me appare un ristorante. Parcheggio la machina. Si sta avverando il moi sogno, un sogno di qui non sapevo, di che sogno si tratta ? Entro nel ristorante e chiedo qualcuno del mio sogno. In tutti questi anni, il mio sogno lo portavo sempre nel cuore. Così tanti anni, si avvera? Qualcuno sale da sotto, sono svuota, senza pensieri nella testa. Cosa mi aspetta…….Sì, eccolo davanti a mè…il mio sogno….mio padre. Adesso sono arrivata a casa! 

Lucio 68

Storia della pittura di Lucio 68

Ho avuto questa immagnine di Lucio 68 da mia nonna. Presumo che l'artista che ha disegnato questo dipinto fosse di Fossombrone ed era un amico di mio padre. Prima che mia nonna andasse in una casa di cura nel 1995 all'età di 88 anni, mi diede questa immagnine. Ricordo che per molti anni è stato appeso al muro sopra il tavolo da pranzo nel soggiorno dei miei nonni a Littau nel cantone di Lucerna. Quando mia nonna ha dovuto andare in una casa di cura all'età di 88 anni, l'ho avuto da lei. Lei ha detto: Lei ha preso da mio padre. 

Ha parlato di lui per la prima volta quando le ho detto nel 1997 che avevo trovato mio padre e che volevo conoscere meglio lui e la sua famiglia. 

www.fürsorgerische-Zwangsmassektiven-schweiz.ch non è responsabile per il contenuto dei link esterni.